Icon

Category: Gamma

GAMMA – Officine Meccaniche di Precisione

Nei primi anni del secondo dopoguerra a Roma nacquero alcune delle più interessanti ed innovative fotocamere prodotte in Italia in quel periodo; una delle protagoniste fu la Gamma.

La storia iniziò alla Fiera di Milano del 1946.

Nello stand della società Fratelli Koristka erano presenti alcuni prototipi (due o tre) di un apparecchio fotografico per pellicola 35 mm simile alla Leica progettati e costruiti a Roma presso l’officina di riparazione di apparecchi fotografici gestita da Ireneo Rossi coadiuvato dai figli Silvano e Giuliano.

Ciò che caratterizzava questi apparecchi era la presenza di una tendina completamente metallica e l’ottica intercambiabile; i fratelli Rossi avevano progettato della Gamma tre diversi modelli: il modello I senza telemetro e velocità da 1/20 a 1/500, il modello II dotato di telemetro e velocità da 1/20 a 1/750 ed infine  modello III con telemetro e velocità da 1 secondo a 1/750.

L’ottica era il Victor Gamma dei fratelli Koristka 55/3,5 con attacco a baionetta; la pellicola passava da un caricatore all’altro ed esisteva una taglierina che consentiva di poter sviluppare lo spezzone già esposto.

Questi modelli non entreranno mai nella produzione di serie.

Questi apparecchi attirarono l’attenzione di vari visitatori e tra questi di Telemaco Corsi, avvocato, appassionato di fotografia e di meccanica, responsabile di una società con sede a Roma facente parte di un importante gruppo industriale che incontreremo ancora quando racconteremo le vicende in un altro apparecchio: la Rectaflex.

Corsi contattò i fratelli Rossi con i quali raggiunse in poco tempo un accordo per la cessione dei brevetti, dopodiché venne creata la società “ Gamma – Officine Meccaniche di Precisione” in cui Corsi si associò con un costruttore edile romano di nome Flamman mentre per Ireneo Rossi ed i figli erano previste delle provvigioni per ogni apparecchio costruito ed un compenso per la direzione tecnica ed il collaudo.