Icon

Category: Manzotti Fratelli

FOTO STABILIMENTI RIUNITI FRATELLI MANZOTTI

I fratelli Erminio ed Eugenio Manzotti iniziarono ad interessarsi alla fotografia nel 1912 quando ancora lavoravano presso le Officine Reggiane il primo come elettrotecnico ed il secondo come ebanista. Nel 1915 i due fratelli già possedevano un piccolo studio fotografico con una discreta clientela che però dovettero chiudere per partire soldati nella Prima Guerra Mondiale. Tornati dalla guerra ripresero la loro attività di fotografi a Piacenza e nel 1921 fondarono i “ Foto Stabilimenti Riuniti F.lli Manzotti “. All’inizio era solo uno studio fotografico ma poi vuoi per una naturale predisposizione alle invenzioni, soprattutto da parte di Eugenio, vuoi per facilitare il lavoro quotidiano di uno studio in continu espansione, i fratelli Manzotti iniziarono a costruire per sé ed a proporre ad altri varie attrezzature da utilizzare nello sviluppo e nella stampa. Nacquero così numerose realizzazioni: Stampatrice Manzotti (1931), Ingranditore verticale Irrum (1937), Vasche verticali per sviluppo (1941), Lampada per camera oscura Lampiride (1941), Sistema di illuminazione per sala di posa Myrialux (1947). Nel 1951 i fratelli Manzotti brevettarono un telaietto portalastre in lamierino e cartone molto leggero e sottile che chiamarono COLOV, nome derivato dal modo di dire “uovo di Colombo”; il Colov era disponibile nei formati 4×6, 6×9, 9×12, 10×15 centimetri. Nel 1957 vennero presentati gli apparecchi fotografici COLOVAPP, progettati e costruiti per sfruttare al meglio le potenzialità del telaietto portalastre Colov; si trattava di due apparecchi professionali da studio, il primo per il formato 6×9 cm ed il secondo per il formato 12×16,5 cm. Con il Colovapp 6×9 si poteva utilizzare anche il Colov formato 4×6 cm e con il Colovapp 12×16,5 si potevano utilizzare tutti i Colov dal formato 10×15 cm al formato 4×6 cm; oltre ai telaietti Colov questi apparecchi potevano utilizzare anche portapellicola in rulli ed i normali telai portalastre. Questi apparecchi come tutti gli apparecchi professionali da studio permettevano tutta una serie di basculaggi ed allungamenti e potevano essere forniti con otturatori ed obiettivi vari, secondo le esigenze del cliente; del ersto per sostituire l’obiettivo era sufficiente cambiare l’apposita piastra presente sulla parte frontale del soffietto. I Colovapp rimasero in produzione per una decina d’anni ma gli apparecchi prodotti furono solo una ventina per ognuno dei due modelli.